CULTURE DEL MONDO

conoscere, analizzare e interpretare

domenica 18 novembre 2007

Silendo


Questo post è dedicato all'intellettuale ed amico Silendo. Verosimilmente il presente post si dovrebbe avvicinare ad una recensione dell'agorà virtuale da lui coltivata e curata. Persona di sopraffina cultura, nel suo blog così si presenta: "Diciamo che sono un maschietto e mi interesso di politica internazionale e studi strategici. In particolar modo di terrorismo e questioni connesse con l'intelligence.", quanto basta per comprendere la complessità del suo lavoro e le complessità culturali delle quali si occupa di studiare ed analizzare dal punto di vista scientifico.
Silendo, rievoca in un certo qual modo il "silenzio", quel silenzio concettualmente espresso nella lingua latina, ricorrente in quei momenti importanti della nostra Repubblica. Il "silenzio" come cultura, dovere, opinione ed azione. Una filosofia a luoghi complessa e men che meno intelligibile. Ma sincera e puntuale. L'amico Silendo fa di questa filosofia il suo pensiero, ossia il suo modus vivendi ed operandi.
Il suo spazio di dialogo virtuale, ossia il suo blog silendo.splinder.com, è organizzato funzionalmente alle sue esigenze, ma anche dei suoi interlocutori e di tutti coloro che rispetto alle tematiche trattate sono attratti ed interessati. Definirei questo luogo una piazza virtuale della scienza, ovviamente in riferimento agli argomenti trattati.
Cos'altro dire: un pubblico ringraziamento (anche se a lui potrebbe a luoghi dar fastidio!) per l'onesto e sincero lavoro culturale che lui esercita (entro il limite del possibile e del tempo a sua disposizione), in ragione di argomenti spesso trattati (non certamente da lui!) in maniera pseudoscientifica, se non addiritura addiritura antiscientifica. Nel Belpaese.

J.P. Bourne


2 commenti:

Amalteo ha detto...

bello, sincero e "giusto" questo ritratto del comune amico silendo.
persona anche misteriosa, conoscita sicuramente in modo diretto da altri suoi fequentatori, fra cui zabetta.
lui filtra documentazione in modo professionale. non dieri che è "oggettivo" , sia perchè l'oggettività non esiste. noi scegliamo sempre le fonti e le scalette concettuali con cui le interpretiamo. siamo sempre quindi "di parte"
però una cosa possiamo fare (è max weber ad insegnare il metodo): possiamo esplicitare il punto di vista.
e silendo lo fa.
con simpatia.
sono un navigatore erratico, sulle piste dei blog non inseguo un solo filone. ma mi faccio prendere dalle ricerche altrui.
la vostra - intendo tua di bourne e di silendo - mi interessa e quindi siete dei miei necessari compagni di viaggio
ciao bourne
a presto

Anonimo ha detto...

Ti ringrazio sinceramente e di cuore caro Amalteo.

Bourne

Ascoltare in silenzio

pedonalfreebanner